tel. 02 36.58.00.10

Commedie Italiane

Prosa SPETTACOLO IN SCENA

28 novembre - 15 dicembre 2019

Per favore non uccidete Cenerentola

di Riccardo Mazzocchi regia Roberto Marafante

Prosa PROSSIMO SPETTACOLO

elevatielavati-capodanno

19 dicembre - 05 gennaio 2020

Storia d’amore in ascensore

di Barbara Bertato, Alfredo Colina, Paola Galassi
regia di Paola Galassi

Prosa PROSSIMO SPETTACOLO

unodivoi-iat

09 gennaio - 26 gennaio 2020

Uno di voi

scritto e diretto da Roberto Marafante

IL TEATRO
INCONTRA
IL CINEMA

NEWS E PROMOZIONI

Fai un regalo spettacolare!

Al Teatro Martinitt puoi acquistare le 4 formule dell’abbonamento Invito a Teatro. Chiedi tutte le informazioni alla nostra biglietteria. Siamo aperti sempre, anche la domenica.

Tel. 0236580010

Cosa fai a Capodanno?

Passa il CAPODANNO all'insegna del divertimento con STORIA D'AMORE IN ASCENSORE più buffet e brindisi con gli attori a SOLI 48 euro. La serata inizia alle ore 20 e si concluderà entro le ore 23:30.

Compralo Subito

Teatro Senza Barriere®: “Per favore non uccidete Cenerentola” accessibile anche a non udenti e non vedenti.

Il 14 dicembre le repliche delle ore 17.30 e 21 saranno fruibili anche al pubblico con disabilità sensoriali, grazie ad audiodescrizioni e sopratitoli. Alle ore 16, è possibile inoltre partecipare alla visita tattile sul palco.

Ingresso disabili: 3 euro.
Accompagnatore, ove previsto: 3 euro.
Prenotazione obbligatoria per spettacolo e visita entro il 12 dicembre.

Tel 0236580010

info@teatromartinitt.it

RASSEGNA STAMPA
DICONO DI NOI

Per favore non uccidete Cenerentola

La cultura è per tutti. È questa la filosofia del Teatro Martinitt di Milano, che da sempre si batte per avvicinare più pubblico possibile al teatro. E ora, in occasione della doppia replica di “Per favore non uccidete Cenerentola” (...), persone normodotate, cieche, ipovedenti e sorde potranno tutte godersi lo spettacolo.

Per favore non uccidete Cenerentola

Uno spettacolo che è un elogio alla diversità e alla felicità, che fa riflettere sul fatto che ognuno di noi non è altro che una Cenerentola alla ricerca della propria scarpa che va trovata e calzata.

Per favore non uccidete Cenerentola

È lodevole che in tempi come i nostri dove fanno più scandalo due uomini che si baciano rispetto a dei femminicidi ci si batta per far passare il concetto che l’amore non può essere intrappolato solo dentro etichette di coppia tradizionale.

Casalinghi disperati

Lo spettacolo è brillante e il ritmo è ben sostenuto da tutti e quattro gli attori che ci fanno sorridere ma anche offrono uno spunto di riflessione su una realtà di crisi familiare sempre più frequente ai giorni nostri.

Per favore non uccidete Cenerentola

Una simpatica ed allegra commedia che con semplicità ha trattato temi importanti ed attuali. La durata è stata giusta e tutta la rappresentazione molto dinamica. Il protagonista Ludovico Fremont, straordinario come gli altri quattro interpreti del cast. Il messaggio che ne deriva suscita riflessioni importanti...consiglio vivamente a tutti.

Casalinghi disperati

Quattro interpretazioni con i fiocchi, per uno spettacolo garanzia di divertimento.

Casalinghi disperati

È indubbio: si ride.

Casalinghi disperati

... c’è chi pulisce, chi fa la spesa al supermercato, chi cucina… chi ha qualche scheletro nemmeno troppo etero nell’armadio, ma l’interpretazione magistrale dei protagonisti Nicola Pistoia (Attilio), Gianni Ferreri (Giulio), Max Pisu (Alberto) e Danilo Brugia (Luigi) sono garanzia di divertimento, nell’affrontare con delicatezza e ironia un tema non solo delicato, ma che appartiene o potrebbe appartenere a tutti.

Casalinghi disperati

Si ride tanto grazie alle battute frizzanti e irriverenti, ma lo sguardo con cui si analizza una situazione comune a sempre più persone è attento e sensibile. Ancora una volta, al Martinitt si affronta con garbo e ironia un tema non solo delicato, ma che appartiene o potrebbe appartenere a tutti.

L’ex marito in busta paga

Tra situazioni rocambolesche, gag spassose, umiliazioni e colpi bassi, va in scena una guerra dei Roses in salsa francese, che non mancherà di coinvolgere e travolgere proprio tutti, sul palco e in sala.

L’ex marito in busta paga

... le sorprese esilaranti si susseguono l’una all’altra e ogni azione ne genera un’altra in modo che quella che sembrava una trama semplice, si rivela densa di sorprese, tanto che è impossibile anche ai più scaltri frequentatori del teatro di tale genere, immaginare il finale.

Una bugia tira l’altra

La compagnia intera ha dato dimostrazione di grande professionalità e chi si è distinto di meno non è stato per mancanza di bravura, ma solo per una minore presenza in scena. In ogni caso si ricordi che una commedia comica richiede maggiore fatica in quanto a prestazione attoriale di una commedia drammatica, a cui non ha nulla da invidiare.

Una bugia tira l’altra

Tra risate a crepapelle e risate amare, grazie a un cast affiatato e con una sorpresa dagli occhi a mandorla, si esce dal teatro un po’ confusi e poco sicuri anche della propria identità.

Una bugia tira l’altra

Teatro pieno in ogni ordine di posto durante la serata della prima con tantissimi applausi. Gli abbonati, se tanto mi dà tanto, hanno capito di aver fatto un ottimo investimento. Comunque, in generale, abbonati e non devono correre assolutamente a vedere questa commedia che è stata scritta non solo per far ridere ma anche per far pensare.

Una bugia tira l’altra

Una commedia divertentissima dallo humor anglosassone dal ritmo frenetico caratterizzata da una molteplicità di equivoci e da un vortice di menzogne che faranno cadere ogni maschera svelando così le verità della natura umana.

Una bugia tira l’altra

“Una bugia tira l’altra” è una commedia divertente che si distingue per il suo inconfondibile humour inglese, un’indagine sui veri volti degli uomini in un’escalation di risate.

Una bugia tira l’altra

Attori tutti veramente all’altezza, precisi sui tempi, perché in particolare in una commedia la precisione dei tempi è un elemento fondamentale per la riuscita. Una menzione speciale per l’attore che interpreta il cadavere (Giancarlo Porcari), perché, da cadavere, da prova di una grande elasticità e mobilità. Un’altra citazione a Matteo Vacca che oltre ad aver fatto un ottimo adattamento e una brillante regia, nella parte di Giorgio Franchetti, ha alcuni momenti di recitazione fatti solo di mimica facciale e gioco di sguardi veramente esilaranti.

Passaggi Segreti - Milano svelata

...accompagnare il pubblico in un viaggio nel tempo. Si comincia dal 1600...per proseguire in una rievocazione storica degli eventi salienti e delle più eminenti figure rappresentative della storia meneghina. L’arrivo degli Austriaci, poi dei Francesi, Napoleone e poi di nuovo gli Austriaci… fino alle Cinque Giornate di Milano nel 1848.

Passaggi Segreti - Milano svelata

Calorosi applausi ieri sera alla prima di Passaggi Segreti-Milano Svelata, spettacolo insolito e suggestivo che ripercorre nei cortili del Palazzo del Senato di Milano (solitamente chiuso al pubblico) la travagliata storia della città, dal Seicento all’Unità d’Italia.

Passaggi Segreti - Milano svelata

La forza dello spettacolo itinerante è stata duplice: la possibilità di poter visitare parte di un palazzo che è chiuso al pubblico ... Altri due motivi per apprezzare lo spettacolo è la bellezza delle musiche...spesso cantate dal cantastorie, che si aiuta con la chitarra, e soprattutto dall’ottima scrittura e regia di Roberto Marafante, che è stato aiutato alla grande dagli ottimi attori.

seguici su
facebook


seguici su
twitter


seguici su
instagram


PARTNER & SPONSOR

ATK+lab - Web Agency
riconosciuto da
Regione Lombardia
con il contributo di
Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
sponsor
De Nora
con il contributo di
Fondazione Cariplo
sponsor
Teclumen
sponsor
CMG